03 settembre, 2017

Estate 2017, è boom turistico in Calabria. Si va verso le 9 milioni di presenze


L’estate che si sta chiudendo ha registrato un boom nell’affluenza di turisti nella regione Calabria. La strategia messa in campo dalla regione e le citazioni da parte di importanti quotidiani e guide turistiche internazionali hanno contribuito al flusso turistico senza precedenti che ha interessato la Calabria, la quale ha registrato più di nove milioni di presenze. Lo afferma un dettagliato articolo de "Il Sole 24ore"
La Calabria è stata protagonista della fiera del turismo di Shangai ed è stata segnalata dalla prestigiosa Rough Guides e citata da Mastercard, Telegraph, Guardian e New York Times: il risultato è che essa è una destinazione prestigiosa per europei cinesi e americani. Al 31 Luglio gli stranieri erano aumentati del 4,6% rispetto allo scorso anno e secondo il dipartimento regionale del Turismo quest’anno si prevede di raggiungere le nove milioni di presenze in considerazione del fatto che il tasso di occupazione delle strutture ricettive è dell’80% fino al 10 dicembre, risultato che sarebbe il record assoluto per la regione superando il precedente di 8,8 milioni registrato nel 2007.
La Calabria è all’avanguardia per quanto riguarda le case vacanza, gli alberghi diffusi nei borghi, gli agriturismi e i nuovi cohousing in autentico stile local.
La Calabria soffre ancora di mali endemici: il mal funzionamento di molti impianti di depurazione e la situazione degli aeroporti della regione, i quali sono tre, ma solo quello di Lamezia Terme funziona a pieno regime, i viaggiatori internazionali che hanno raggiunto lo scalo lametino sono aumentati del 60% rispetto all’anno scorso e fino alla fine di settembre si attendono 8mila turisti canadesi. La prossima primavera si attendono i turisti cinesi. La Calabria ha ottenuto, unica regione d’Italia, la certificazione Welcome Chinese, un marchio che indica uno standard esclusivo disposto dalla China Tourism Academy i cui operatori hanno visitato la regione valutando sicurezza, alberghi, prima colazione, circuiti delle carte di credito, QRcode, segnaletiche e traduzioni. Dal dipartimento regionale del turismo spiegano che i turisti cinesi viaggiano in primavera e in autunno, spendono molto e sono molto esigenti.
Gli Americani apprezzano la costa, i borghi, la natura e l’enogastronomia. Lidia Bastianich è ambasciatrice della Calabria per il mercato Usa e sudamericano, la nota imprenditrice del food ha visitato la Calabria e ha gustato i piatti di chef stellati ed emergenti, i quali con la loro visione del territorio e le materie prime eccellenti stanno cambiando il volto della regione  (sono 7mila le aziende bio della regione). Questi chef sono Caterina Ceraudo è migliore Donna Chef 2017 per la Guida Michelin, Luca e Antonio Abbruzzino, Nino Rossi, Riccardo Sculli.
Il turismo calabrese non si basa solo sul mare. L’80% dei comuni della regione ha meno di 5mila abitanti e, nella maggior parte dei casi si tratta di borghi che hanno mantenuto una grande tradizione storica e culturale. Essi sono il perno del nuovo turismo esperienziale insieme alla natura le zone protette rappresentano il 40%del territorio calabrese. La Calabria è diventata meta di chi pratica escursionismo, rafting, canoa, rampicante e di chi ama i parchi avventura. E’ il polmone verde del Mediterraneo per tedeschi, inglesi e francesi, i quali sono anche i golfisti più appassionati. Non ha caso la Regione Calabria ha predisposto una legge che vorrebbe trasformare la Calabria in un aGolf destination con cinque impianti da 700 mila metri quadrati.


08 giugno, 2017

Creare valore, lo slogan per un nuovo Sud

L'accenno alla necessità di un Piano Marshaal per il Sud è, chiaramente una provocazione, un eccesso verbale per porre l'attenzione sulla questione posta da una indagine dell'Istat, secondo la quale il Mezzogiorno d'Italia è a rischio spopolamento. La gente scappa perchè non ha alcun futuro e, amaramente, rispetto a trenta anni fa il fenomeno si è incancrenito ed, amaramente, mi è venuto da dire che è scappata anche la speranza.
L'auspicio è che la politica ponga al centro della sua azione la realizzazione di politiche che favoriscono la comparsa e lo sviluppo di attività produttive, che creino valore nei settori in cui il Meridione può essere un'eccellenza, come quello turistico e l'agroalimentare.
Questo blog si propone di evidenziare le realtà del Sud in cui si crea valore aggiunto, semi prezioso per una nuova ripartenza del Mezzogiorno, che sia volano dell'intero sviluppo economico nazionale.

07 giugno, 2017

Il Sud diventerà un inferno dantesco, ma nessuno se ne cura

Dal Sole24Ore del 26 aprile:
“Nel 2045 l’Istat stima che la popolazione residente in Italia sarà pari a 58,6 milioni e a 53,7 milioni nel 2065. La perdita rispetto al 2016 (60,7 milioni) sarebbe di 7 milioni tra 49 anni. Si profila uno spostamento del peso della popolazione dal Mezzogiorno al Centro-nord del Paese”.
E ancora
“Nei prossimi anni assisteremo dunque in modo evidente ad uno spostamento del peso della popolazione dal Mezzogiorno al Centro-nord del Paese. Secondo le previsioni, nel 2065 il Centro-nord accoglierebbe il 71% di residenti contro il 66% di oggi; il Mezzogiorno invece arriverebbe ad accoglierne il 29% contro il 34% attuale”.
Il Sud si spopola. Diventerà un'ospizio, nella migliore delle ipotesi. E' necessario Un piano Marshaal straordinario per invertire la tendenza.  
Vitaliano D'Angerio su "Il Sole24ore" si chiede se importa a qualcuno questo futuro del Sud, che diventerà un inferno dantesco. Io gli rispondo, se non importa ai residenti, i quali continuano a fare finta di niente mentre tutto va in malora a chi deve importare? Chi si pone il problema va altrove, prima che la nave affondi. 

06 giugno, 2017

Game Over Calabria!

La cartina del cambiamento demografico dei comuni italiani è rosso fuoco per la Calabria. La fuga è stata massiccia tra il 2002 e il 2015. I primi a non credere al cambiamento sono proprio i calabresi, che scappano altrove per tentare di avere un futuro. 
E' paradossale sentire una classe politica che non ha saputo (voluto?) usare i fondi europei per lo sviluppo della propria terra parlare di futuro. Ma quale futuro se già il presente è un tragico deserto!!!
Trent'anni fa c'era la speranza di cambiare le cose. Adesso è emigrata pure quella.

04 giugno, 2017

La Juventus ha perso la Champions. W la Juve

Come ampiamente previsto dal sottoscritto la Juventus ha perso la finale di Coppa dei Campioni contro il Real Madrid. Per arrivare al loro livello è necessario fare un ulteriore salto di qualità e cercare nel calciomercato di prendere non le stelle di Roma e Napoli, ma, proprio, quelle del Real.
Dani Alves e Khedira, scarti delle due spagnole, sono sufficienti per vincere in Italia, ma non è in Europa.
In alternativa la Juventus si risparmi in campionato per puntare tutto sulla Champions oppure azzeri tutti metta in campo una squadra di giovani o faccia un programma triennale, mettendo fuori, sin da subito, Buffon, Chiellini, Bonucci e Barzaglli.

12 dicembre, 2012

Lastrico di proprieta' esclusiva? A chi spettano le spese di manutenzione

In materia di lastrico solare, che funge da copertura per i piani sottostanti, l’art. 1126 c.c.  recita "Quando l'uso dei lastrici solari o di una parte di essi non é comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l'uso esclusivo sono tenui a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico: gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell'edificio. fissa in un terzo gli esborsi a carico di chi abbia l’uso esclusivo del lastrico e in due terzi le spese gravanti sulle tasche dei proprietari delle unità abitative dei piani inferiori. Questo principio é stato confermato dalla Cassazione con la sentenza n. 16583/12.

continua qui